in

“Con inutili fughe in avanti si danneggia il centrodestra”



Nella corsa a sindaco, il coordinatore regionale di Forza Italia, Gianfranco Miccichè chiede di ripartire da zero, Troppi i nomi in campo e così, dopo la candidatura del capogruppo al Senato di Italia Viva Davide Faraone, che Matteo Renzi ha lanciato dal palco della Leopolda, Miccichè invita “tutti a fare un passo indietro”. 

“Basta Farneticazioni – esclama il presidente dell’Ars -. Ogni ora che passa, leggo uscite deliranti di vari ipotetici candidati a sindaco di Palermo. Si favoleggia di inesistenti contraccambi per la presidenza della Regione. Non si capisce quale sia il motivo di volere danneggiare a tutti i costi la coalizione di centrodestra con inutili fughe in avanti”.

Poco prima, Faraone aveva detto a Omnibus su La7 di voler “dare risposte ai palermitani e non avventurarsi in esperimenti di laboratorio”. Confermando quindi la sua candidatura in uno spazio politico di centro, distante dai populisti e dai sovranisti. Questo il perimetro individuato da Renzi che, giocando d’anticipo, ha gettato le basi per la costruzione in Italia di un nuovo centro.

Uno spazio che in Sicilia inizia a prendere forma. Domani (alle 18), a Villa Zito, Faraone presenterà assieme a Totò Cuffaro il libro di Gianfranco Rotondi “La variante Dc”. Un appuntamento tutt’altro che casuale perché – come Italia Viva – anche la Dc intende ricoprire in queste elezioni un ruolo di primo piano al centro.

Nell’arco politico che dal centro va verso destra cerca spazio anche l’assessore all’Istruzione Roberto Lagalla – sempre in pista per le Comunali sotto l’effigie dell’Udc – che ieri ha “pizzicato” Faraone: “La sua è una candidatura che si muove in uno spazio di centro ma non ho ancora compreso il perimetro delle alleanze. Per quanto mi riguarda mi sono sempre rimesso a un dibattito all’interno della coalizione e a una prospettazione di programmi ed è quello che ancora attendo”. 

Lagalla, al momento, si è collocato “a bordo campo” nell’attesa “come tanti di un allenatore”. Che al momento però manca.

  



Source link

Written by bourbiza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Roma, Parigi, Berlino. Quel patto a tre che cambia l’Ue

“Cavillo burocratico blocca pagamenti per duemila lavoratori”