in

“E’ passato un anno, ancora non ci credo”




A un anno dalla sua scomparsa, Alba Parietti torna a scrivere parole d’amore per lo storico compagno Giuseppe Lanza di Scalea. Il principe palermitano, morto l’11 ottobre dello scorso anno all’età di 74 anni, è stato legato alla showgirl per molto tempo. 


“A Giuseppe, che un anno fa è andato through per restare nel cuore. Sei stato l’amore, il complice, l’amico migliore che io possa immaginare, che mai mi hai messo in discussione, in competizione, o a disagio”. Alba Parietti così affida il suo ricordo ai social e, attraverso il suo profilo Instagram, condivide una lunga lettera che tratteggia con emozione e sentimento il rapporto che l’ha unita a quell’uomo nobile prima di tutto nell’animo. “Mi hai dato tutto quello che una donna, che un essere umano, ha bisogno di avere, e detto tutto quello che una persona ha bisogno di sapere tranne come fare senza di te e poi a camminare”.


Esattamente un anno fa, però, la morte del suo storico ex ha sconvolto la sua vita. “Un anno fa te ne sei partito Giuseppe. Io parlo di te, di come eri. Mi sembra di poterti parlare ancora e continuare quel dialogo infinito che c’è tre persone a cui basta guardarsi negli occhi per capire il pensiero. Eri il mio punto di riferimento, eri un pilastro nella mia esistenza e tutto ti potevo raccontare. Mi capivi, mi aiutavi, non mi giudicavi. Mi volevi bene e io a te – scrive ancora -. E’ passato un anno e ancora non ci credo. Le persone, certo, acquistano più valore quando si perdono, ma io non avevo bisogno di queste prova per sapere quanto tu fossi importante. Ti porto nel cuore, nell’anima, nei sorrisi. Negli abbracci fortissimi degli amici comuni a cui sono legata, nelle cose belle che abbiamo amato fare insieme. Nella certezza che su di te potevo contare. Ti porto nel cuore, e io sapevo di essere nel tuo. Ci siamo voluti un bene dell’anima”. 




E sul finale la Parietti si lancia in una dichiarazione d’amore. “Non c’period bisogno di dire tante cose, ci capivamo sempre al volo. Delle persone che amo che non ci sono più come te, mio padre mia madre, io riesco a sentire la voce, le vedo, riesco a dialogare – conclude -. Sarò una visionaria ma nella mia immaginazione ci siete sempre. Anche perché immaginare una vita senza di voi è davvero triste, perché ogni cosa bella ha meno senso e senza di voi meno valore. Sei nel cuore di tutti noi, Giuseppe, perché eri un uomo speciale, un vero principe, lo eri nell’animo, nella bontà, nel senso di giustizia, nell’onestà intellettuale, nell’eleganza, nell’ironia, nella leggerezza. Nella lealtà e nella profondità. Mi manchi. Ma viverti è stato un privilegio”.









Source link

Written by bourbiza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Canberra on monitor to be the ‘most vaccinated place on this planet’ with 100% Covid vaccine charges

Trovato cadavere sulla spiaggia di Balestrate, l’ipotesi è che possa essere il velista scomparso