in

“Scelte nette, spesso in controtendenza col passato”





Redazione
24 settembre 2021 12:06






“Quella di ieri è stata una giornata importante per la città, per l’Amministrazione comunale e per il Partito Democratico. Infatti, dopo mesi di lavoro e di confronto con cittadini, ordini, categorie e parti politiche, è stato assunto il nuovo Piano Urbanistico Generale in Consiglio comunale. In questi mesi come PD abbiamo collaborato attivamente alla realizzazione del piano, con idee e una visione chiara e innovativa della Cesena del 2040. Lo abbiamo fatto coinvolgendo gli iscritti e i militanti del Partito Democratico di tutti i dodici quartieri cittadini ed elaborando un documento politico-programmatico che nei mesi scorsi abbiamo presentato all’Assessora Mazzoni e che oggi ritroviamo, in molte sue parti, contenuto nella visione del nuovo PUG”. Lo afferma il Partito Democratico di Cesena.


”Oggi rivendichiamo con orgoglio questo percorso – proseguono –, e quindi il piano assunto ieri, perché ci abbiamo lavorato intensamente, al fianco della nostra Assessora Mazzoni e portando le nostre idee in tutte le commissioni consiliari (16 commissioni tra il 2020 e il 2021). Al contrario di altri gruppi che hanno preferito il silenzio, il dibattito politico non costruttivo o, peggio ancora, la totale assenza”.


“Il nostro impegno non si conclude di certo oggi. Continueremo a lavorare sull’urbanistica del rammendo, da fondare su necessità completamente numerous rispetto al passato, come la trasformazione e la rigenerazione urbana. Continueremo a seguire attentamente il tema delle infrastrutture strategiche per il nostro territorio, come la connessione diretta con Forlì con la realizzazione della by way of Emilia bis. Questo deve essere un obiettivo strategico immediato, di cui il Lotto Zero sarà un punto importante. Tutto nel rispetto dell’ambiente e del paesaggio come impone la legge regionale all’artwork.53 attraverso la valutazione dell’impatto ambientale da parte della conferenza dei servizi. Un altro tema centrale, e che continueremo a seguire con la massima attenzione e con proposte concrete, è quello che riguarda le imprese e il mondo del lavoro. L’attrattività di imprese in grado di creare nuovi posti di lavoro, specialmente sulle due vocazioni del nostro territorio, quella agroalimentare e quella logistica, deve essere il nostro faro per garantire una crescita della città. Creare nuova ricchezza sul territorio, innovazione nel settore agricolo e diventare un HUB logistico importante per tutto il centro-nord Italia, sono solo alcuni degli obiettivi che ci poniamo e che ora dobbiamo perseguire. In conclusione, il tema dell’abitare, che nella nostra città richiede una risposta forte e immediata. Una risposta alla domanda di abitazioni in locazione, che è oggi la più impellente per i redditi medio-bassi, può arrivare soprattutto da tre strade: il rilancio della ‘Fondazione per l’Affitto’ sugli alloggi non utilizzati; dando la priorità all’ERS nelle nuove iniziative di trasformazione a scopo residenziale; selezionando alcune aree marginali di proprietà pubblica, inutilizzate, e cogliendo la possibilità offerta dalla legge regionale di utilizzare questo tipo di dotazioni anche per l’edilizia pubblica e l’ERS”.




“Riconosciamo che il nuovo piano delinea scelte nette, spesso in netta controtendenza rispetto al passato, e questo è necessario per rispondere ai numerosi cambiamenti della nostra società, da un punto di vista ambientale, tecnologico e sociale. Questi cambiamenti – concludono – lì accompagneremo nel solo e unico interesse dei cittadini di oggi, e ancora più, dei cittadini di domani”.









Source link

Written by bourbiza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

The airplane idea with an ‘underwater’ cabin

I “I tiempu cinn’è picca, arruspigghiamuni n’anticchia”, in migliaia al Massimo per il clima