in

Primo Trofeo Credito Cooperativo Romagnolo, la gara di chiusura dell’atletica a Cesena





Redazione
23 settembre 2021 13:03






Va in scena sabato prossimo alle 16 l’ultimo atto della stagione 2021 dell’atletica a Cesena con il 1° Trofeo Credito Cooperativo Romagnolo, assembly organizzato dall’atletica Endas che rappresenta anche un banco di prova per gli below 16 che la settimana prossima parteciperanno ai Campionati Italiani di categoria in programma a Parma. 


Il ct della Federatletica ’Emilia-Romagna ha già reso noto la composizione della squadra, ma nell’elenco risulta ancora vuota la casella del disco femminile e sarà proprio la gara di by way of Fausto Coppi a sciogliere la riserva. 


A contendersi la maglia da titolare saranno due romagnole: l’endassina Manar Bendidi,  leggermente favorita dai pronostici in quanto capofila stagionale con 25.44, e la misanese Giulia  Cantelli (Atletica Santamonica), argento ai recenti campionati regionali con 22.57. 4 lanci da “tutto o niente” che fanno di questa la gara più sotto osservazione di tutto il programma. Check finale invece per chi il go per i tricolori lo ha già ottenuto. Sui blocchi degli 80 metri per  Fabrizio Caporusso (Atl. Castiglione di Ravenna) prima della 4×100 tricolore, così come per la  lunghista cesenate Chiara Facchini. Giulia Senni, biancoverde che a Parma parteciperà al  pentathlon, ha invece scelto di misurarsi sui lanci (giavellotto e disco) sulla pista di casa. Qualche lampo è atteso anche dalla pedana del lungo dove nella beginning listing figurano quattro atlete con personali al di sopra dei cinque metri e mezzo. 


Il 5.71m con cui ha messo al collo il bronzo degli Italiani Allievi fa della sedicenne Arianna Rondoni l’atleta da battere, ma la sua coetanea Beatrice Minotti (Centro Atletica Copparo) che parte da un  private finest di dieci centimetri inferiore non è avversaria da sottovalutare. A giocare il ruolo delle  outsiders la cesenate emigrata a Perugia Shanti Bosch (5.55) e la lughese Stefania Cuonzo (5.51). 


“Sabato si conclude una stagione lunghissima che ci ha dato grandi soddisfazioni – ha  dichiarato Umberto Pallareti, Presidente del membership di Corso Mazzini – nonostante la pandemia il  2021 è stato un anno di enorme crescita per la nostra società e per il futuro stiamo  sviluppando progetti per proseguire in questa direzione. Il lavoro di promozione che stiamo facendo da diversi anni nelle scuole si è sommato a  quello che possiamo definire ‘Effetto Tokio’ e stiamo registrando un’affluenza straordinaria  ai corsi di avviamento.  Nei nostri 50 anni di attività hanno vestito la nostra maglia ragazzi e ragazze che hanno  vinto titoli italiani, sono diventati Azzurri, sono arrivati fino alle Olimpiadi. I ragazzi che arrivano ora sul campo sono quelli destinati a proseguire questa tradizione e  forse a fare anche meglio”.













Source link

Written by bourbiza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

tutto pronto per la nuova stagione di concerti dell’Orchestra Sinfonica Siciliana

Mama bear teaches her cub tips on how to use the slide at North Carolina elementary faculty