in

“Futuro Palermo? Stiamo lavorando da cinque mesi per trovare l’acquirente migliore”













Non si espone troppo Dario Mirri in merito alla questione aperta con l’ex socio di minoranza del Palermo Tony Di Piazza sul valore del rimborso delle quote societarie detenute dall’imprenditore italo-americano, da quest’ultimo stimato in 11,4 milioni di euro.


Intervenuto a margine della presentazione della ASD Palermo Femminile il presidente della società di through Villa Malta ha definito la vicenda delle quote un fatto puramente legale: “Ve lo avevo già detto sei mesi fa – ha affermato – credo sia un tema che riguarderà più gli avvocati piuttosto che il presidente o altre determine. Il tribunale e gli avvocati faranno le loro considerazioni, non mi sembra neanche corretto aggiungere qualcosa, i numeri parlano da soli”.


Il presidente del Palermo ha anche parlato del futuro della società: “Non credo che qualsiasi cosa si possa dire -ha spiegato – possa sgombrare il campo alle illazioni. Da cinque mesi stiamo lavorando con Lazard per individuare il soggetto migliore impossibile. Ci vuole del tempo per fare le cose bene, per farle male ci vorrebbe meno tempo. Stiamo facendo tutto per fare le cose nel miglior modo possibile: questa è l’unica certezza che posso dare e che confermo di voler dare. Spero che la questione di Di Piazza non rappresenti un intralcio per il Palermo”.


Mirri si è poi soffermato sul momento della squadra: “Preoccupa il risultato: l’importante è che si segni – ha detto – che siano gli attaccanti o i difensori. L’anno scorso si diceva che Lucca non fosse da Palermo: credo che abbiamo avuto la conferma che non è così nell’ultimo campionato e la stiamo continuando a vedere. I giudizi tecnici penso vadano fatti alla tremendous. Brunori e Soleri sono ottime punte come lo sono Floriano, Fella e Silipo. Bisogna comunque aspettare, siamo alla quarta giornata. Sicuramente possiamo fare meglio, dobbiamo fare meglio e lo pretendiamo”.


Infine Mirri ha fatto il punto della situazione sul centro sportivo: “Il centro sportivo è in una fase più avanzata – ha concluso –  rispetto a qualche settimana fa: l’amministrazione comunale ha definito la conferenza di servizi che abbiamo richiesto il 27 aprile presentando il nostro progetto. Definita questa situazione credo serva solo il tempo materiale di predisporre l’atto per messa a costruire. Questo è l’atto propedeutico e necessario all’istituto del credito sportivo per valutare e deliberare il finanziamento. Continuo advert essere convinto che quello sia l’elemento cruciale affinché il Palermo possa avere un luogo per costruire talenti e valore”.













Source link

Written by bourbiza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

sei giorni dedicati al futuro delle città

Harry and Meghan’s night time out in Large Apple: Couple go away the children in LA to get pleasure from drinks at swanky bar