in

“Entusiasmo e voglia di fare”


.

.
.

. Redazione .
14 settembre 2021 13:39(
*) .
.

.
. . . Condividi .

La lista civica Buda è proiettata verso io voto e presenta altri due candidati al consiglio comunale di Cesenatico. Fabio Bandieri e Pierangelo Zavalloni si raccontano.

.
.

“Nato a Cesenatico 51 anni fa, padre di Davide di 17 anni – esordisce il primo – ho conseguito il diploma di Odontotecnico a Pesaro per poi, terminati gli studi, intraprendere varie esperienze lavorative all’ estero come accompagnatore turistico per alcuni trip operator. A 30 anni ho poi deciso di mettermi in proprio rilevando una vecchia attività di abbigliamento che ho poi trasformato radicalmente in un punto di riferimento per i giovani appassionati di moda browse e skateboard, tutt’ ora negozio molto innovativo a Cesenatico, denominato “Street & & Sport”. La stessa operazione l’ho poi messa in pratica con un altro negozio di abbigliamento, cambiandone ancora una volta i connotati, e trasformandolo in un nuovo concetto di moda streetwear con il primo “Diesel Shop” della nostra città. In continua ricerca di nuove sfide e con la volontà di riqualificare strutture della nostra città, all’ età di 40 anni ho così rilevato un vecchio stabilimento balneare e attraverso una profonda ristrutturazione, ho dato vita al Bagno Gazebo, un area alla moda con una ristorazione legata alla nostra tradizione romagnola ma con un occhio all’ innovazione”.

.
.

” Quando nel 2011 Roberto Buda – prosegue – mi ha chiesto di aiutarlo in quello che sembrava una cosa impossibile, l’entusiasmo e la voglia di fare del bene alla nostra città ci ha portati a vincere quelle elezioni, avendo per la prima volta a Cesenatico un Sindaco di centro destra e dandomi la possibilità di essere eletto Consigliere Comunale. Una sfida che mi ha stimolato ancora di più e che, dopo aver toccato con mano il continuo saccheggio di risorse comunali advertisement opera degli allora governi nazionali e constatando che molti comuni Italiani erano costretti a tagliare servizi essenziali, ho intravisto l’opportunità di reperire risorse per la città attraverso la richiesta di far pagare l’IMU alle piattaforme dell’ ENI poste di fronte alle nostre spiagge. Inizialmente ho dovuto superare lo scetticismo generale ed anche qualche ilarità advertisement opera dell’ opposizione di sinistra ma, senza perdermi d’animo, ho intrapreso un lungo lavoro di preparazione reperendo dapprima tutte le informazioni necessarie, poi cercando di coinvolgere la mia maggioranza che in seguito decise di supportami in questa sfida difficile, piena di burocrazia e contro una gigantesca società come l’ENI. Anche alcuni Dirigenti comunali iniziano a collaborare e grazie anche al loro contributo Cesenatico è diventato uno dei primi comuni d’Italia a ricevere questo importante tributo (10 milioni di euro) a disposizione del Comune. Ho deciso di accettare per la seconda volta la richiesta di candidatura in sostegno dell’ amico Roberto perché ritengo di poter essere ancora utile all’ amministrazione della mia città, mettendo a disposizione la mia determinazione ed esperienza per rendere sempre più bella Cesenatico e aiutare chi nella vita ha incontrato difficoltà”.

.
.

“Fra le tante cose vorrei portare a compimento il collegamento tra il lungomare di Ponente e quello di Levante attraverso un sottopassaggio ciclo/pedonale, mantenendo ugualmente il caratteristico traghetto turistico parte integrante della nostra storia. Il nostro ospedale in questi anni è stato depotenziato ed ora non è possibile neppure effettuare una banale ecografia: una città turistica come Cesenatico che d’estate conta quasi 200 mila personality tra residenti e turisti necessita di un ospedale efficiente e completo e per questo serve la volontà politica che purtroppo è mancata in questi anni. Per il futuro di Cesenatico servono scelte coraggiose, noi siamo pronti”, conclude Bandieri.

.
. .

Si racconta anche Pieragelo Zavalloni: “Da tutti chiamato Piero, ho 67anni e sono un ex-artigiano, ora pensionato, nato e residente a Sala, precisamente a “bourg sgumbi”. I mei impegni se sarò eletto sono due fra tutti. Da 40 anni vedo la mia campagna morire, c’ è stato un momento in cui ci eravamo illusi con il RUE della giunta Buda, ma l’attuale giunta ha cestinato tutto senza un motivo valido. Il mio impegno sarà quindi quello di fare del forese una realtà viva e piena di idee che arrivano dai residenti. In secondo luogo mi impegnerò pera la messa in sicurezza della by means of Campone: da Villata a Sala non c’ è un city di pista ciclabile e noi residenti rischiamo anche solo advertisement uscire dal cancello di casa (addirittura ci sono cittadini in carrozzina relegati nel proprio cortile). Ringrazio infine il commissario provinciale di Forza Italia Giuseppe Bettini per la fiducia accordatami per rappresentare il partito nella lista civica di Roberto Buda Ho una “campagna di idee”, aiutatemi a realizzarle”.

.
.
.
.
.
. .

.

Written by bourbiza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

India fears renewed risk in Kashmir amid rise of Taliban

Coronavirus, dodici positivi nella centrale operativa del 118