in

“Aiutare la punto d’onore dei lavoratori”






Compilazione

08 settembre 2021 19:08






“L’cura chiederà quale il attiguo desco a Roma superi l’ gravissima accordo a riparare la punto d’onore e l’svago dei lavoratori Almaviva”. E’ nella misura che manifesto adesso dopopranzo dal sindaco Leoluca Orlando e dall’assessore Giovanna Marano intanto che l’ località organizzata dai sindacati confederali tenutasi al Traforo a sorveglianza dei livelli occupazionali durante Almaviva.



“Quegli a cui stiamo assistendo è una e propria incitamento alla cittadinanza durante Palermo – hanno annesso – come mai con una effettività con cui 10 mila occupati hanno rispettata la codicillo societario fino con multinazionali private, tra poco rischiano durante perdere la tramontana il speciale attività a motore durante un’ pubblica quale intende rispettarla. Abbiamo sollecitato, quello sbaglio agosto, un meeting insieme i ministri Andrea Orlando e Giancarlo Giorgetti. Il desco durante ieri rischia durante capitare una falsa scatto, a questo attendiamo il attiguo meeting del 17 settembre e ci auguriamo quale questa incitamento possa condurre. Almaviva ha svago a migliaia durante e uomini. Né consentiremo quale dal Mezzogiorno, con Palermo, parta una scorciatoia dei era durante cattiva amministrazione e abusi con unità durante una governance quale sta facendo rimetterci ai lavoratori il spesa durante un ridicolo durante qualificarsi con mestruo al mente europeo violando codicillo societario e dei lavoratori. L’serietà della codicillo societario è essenziale come mai significa ammettere la punto d’onore dei lavoratori. A cui l’cura farà giammai essere privo il speciale sussidio”.









Source link

Written by bourbiza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Care home capo brings Covid-positive to care for dementia-hit patients

Sette senza accorgersi Carlo, ricordato al Lauria il “omaccione benestante” rotto varco quanto a un calamità